Visita senologica

Visita senologica ambulatoriale

La visita senologica consiste in un esame clinico completo delle mammelle, attraverso il quale il senologo deciderà se vi è ulteriore bisogno di altri accertamenti strumentali per arrivare ad una diagnosi .L’obiettivo della visita senologica è quello di individuare la presenza di patologie mammarie. Per effettuare una buona visita senologica il senologo si avvale dell’anamnesi, dell’ispezione e della palpazione.

Visita Senologica - Anamnesi

L’anamnesi consiste nella raccolta delle informazioni personali e familiari che danno un quadro generale sulla paziente. Si prendono quindi informazioni in base all’età sulla situazione del ciclo ormonale , ed eventuali irregolarità del ciclo, se in menopausa, sul numero di gravidanze e dell’allattamento.

Quindi si passa alla raccolta delle informazioni su pregresse malattie e su eventuali terapie mediche e chirurgiche e su malattie attuali. Molto importante sapere se la paziente fa uso di pillola estroprogestinica, di terapie ormonali sostitutive o su pregresse stimolazioni ormonali per gravidanze.

Inoltre va indagata la presenza di familiari con pregresse malattie tumorali della mammella soprattutto se interessate la madre, nonna o sorelle . In questo caso si valuterà un indicazione al colloquio con il genetista , il quale valuterà se vi sarà indicazione al test genetico per escludere eventuali  mutazioni genetiche , quali il Brca1 e il Brca2.

Quindi si valuta se la paziente accusa dolore alla mammella, se ha delle secrezioni dal capezzolo o dai capezzoli, se queste sono spontanee o provocate spremendo il capezzolo e sul colore delle secrezioni.

A questo punto si prender’ visione di tutti i pregressi esami strumentali e su cartelle cliniche precedenti se ha subito interventi e sui più recenti esami strumentali quali ecografia , mammografie ecc..

Visita senologica - Ispezione

Per convenzione la mammella si divide in quatro quadranti suddividendo due linee perpendicolari passanti per il capezzolo (quadrante supero esterno ,supero-interno, infero-interno ,infero-esterno)

Si valutano quindi la forma delle mammelle, le dimensioni la simmetria il colre della cute e se vi sono lesioni sulla cute stessa quali retrazioni, tumefazioni , infiammazioni , escoriazioni soprattutto sul capezzolo.

Attraverso l’ispezione possiamo già valutare se ci sono anomalie congenite od acquisite, quali soprattutto asimmetria mammaria *mammelle di differenti volume oppure ipoplasia mammaria, seno tuberoso, capezzoli introflessi.

Visita senologica-Palpazione

Vari tipi di palpazioni esistono ma ogni senologo esperto pratica quella con la quale si sente più sicuro. Di solito si effettua prima a paziente seduta e con le braccia dietro alla testa e poi eventualmente da supina. Si esercita dapprima una pressione leggera e poi leggermente più energica.

Se si apprezzano delle neoformazioni o dei noduli si valuta le possibili dimensioni, consistenza e i rapporti con la cute e con il piano profondo.

Si palpano quindi entrambe le mammelle e quindi i cavi ascellari per apprezzare eventuale presenza e consistenza di linfonodi per finire quindi palpando le fossette sovraclaveari sempre per valutare presenza di eventuali linfonodi.

 

Bibliografia: Senologia- F.Rovera e coll.  Ediszioni Edra

                  Trattato di senologia-s. Modena-edizioni Piccin

               

Prenotazione visita senologica

 

Per informazioni e contatti info@massimovergine.it

   

Prof. Massimo Vergine
Univerista' "La Sapienza" Roma
Policlinico Umberto I
Dipartimento Scienze Chirurgiche


Studio: One day Medical Center - Via Ambrosini 114- Roma

 

                                          Per prenotazione visita in studio privato .:    Tel. 0645212038                                                                                                          

                                                                                                       Cell: 3396166430